Testata

 

 

Questa pagina nasce, non senza difficoltà, ma con grande entusiasmo allo stesso tempo, dall'idea di alcuni utenti del nostro sito. L'intento non è quello di argomentare la materia dal punto di vista tecnico, poiché in rete sono disponibili forum, siti e informazioni a vario livello. Piuttosto l'obiettivo che ci siamo posti riguarda l'etica dell'acquariofilia, al fine soprattutto di salvaguardare le specie in habita e l'ambiente in cui esse vivono. Come è noto il mercato dei pesci per acquari e alquanto complesso. Molte specie vengono prelevate con metodi distruttivi dal loro ambiente. Spesso vengono utilizzati veleni come il cianuro e alcaloidi vari estratti da diverse specie di piante, vengono utilizzate reti non selettive, con conseguente impoverimento delle specie di interesse commerciale. Molti pesci muoiono durante il trasporto, spesso effettuato in condizioni critiche. Noi di BiologiaMarina.eu cercheremo quindi di divulgare argomentazioni finalizzate all'utilizzo di specie allevate e nate in cattività, e informeremo gli utenti sulle regolamentazioni del mercato dell'acquariofilia. Con particolare riguardo anche alle specie poco conosciute e poco appariscenti che spesso, proprio per questo, non vengono considerate dagli appassionati.

________________________________________________________________________________________________________

Il mercato dei pesci per acquari secondo un documento dell'UNEP: DALL'OCEANO ALL'ACQUARIO, di L. Alessandro
Malattie dei pesci: l'hexamitiasi. L'idropisia.
I pesci Garra rufa