Testata

 

 

Cod Art 0178 | Rev 00 | Data 03 Lug 2009 | Autore M. Guadagnino

L'AREA MARINA PROTETTA DI MIRAMARE

Incastonata nella stupenda cornice del golfo di Trieste, la Riserva Marina di Miramare, con sede all’interno dello storico Castello di Miramare, si snoda tutt’attorno al promontorio omonimo. La riserva è nata nel 1973 e istituita nel 1986 con decreto del Ministero dell'Ambiente, ed è stato il primo parco marino istituito in Italia.

Foto1

La zona a protezione integrale è di 30 ettari, per una larghezza di 200 metri lungo 1,8 km di costa, ed è circondata da un’altra area di rispetto di altri 90 ettari per un larghezza di ulteriori 400 metri, a protezione parziale, ove è vietata la pesca professionale. La profondità massima che si raggiunge nella riserva è di 18 metri. Il centro visite è situato all’interno del parco di Miramare, in un edificio noto come il Castelletto, che è anche la sede operativa della riserva. In una piccola zona della riserva sono possibili visite guidate in apnea o con autorespiratore.Tra i vari ambienti caratteristici della riserva particolare importanza è rivestita dalla zona di marea, dall’ambiente di scogliera e dai fondali sabbiosi e fangosi. La zona compresa tra il limite della bassa e dell'alta marea, ambiente particolarmente ostile, può essere colonizzata solo da organismi marini adattati a sopravvivere per un certo periodo di tempo fuori dall'acqua.

Foto2

La massicciata che protegge a mare lo zoccolo su cui sorge il Castello di Miramare individua uno degli habitat più ricchi all'interno della Riserva: i massi rappresentano un sito di ancoraggio per molte specie di alghe e di invertebrati bentonici e forniscono ai pesci susbstrati per la deposizione delle uova ed anfratti utili come nascondiglio. L'ambiente di sabbia e fango, che a prima vista può appare piuttosto spoglio e monotono, si rivela invece estremamente interessante e, osservando più attentamente, mostra alcune tracce che tradiscono la presenza di organismi viventi. I motivi della tutela del promontorio vanno ricercati nelle particolari caratteristiche geomorfologiche che si ripercuotono sulla flora e sulla fauna presenti e che fanno di Miramare un ambiente unico che da solo può rappresentare la peculiarità del Golfo di Trieste.

Foto3

Foto4