Testata

 

 

Cod Art 0122 | Rev 00 | Data 08 Mar 2009 | Autore M. Guadagnino

L'AREA MARINA PROTETTA DI USTICA

Dal 1986, anno dell’istituzione dell’Area marina protetta l’isola è diventata matrice di un modello di valorizzazione delle risorse naturalistiche, che è riuscita, cosa importantissima, a coinvolgere la popolazione dell’ isola in un'operazione educativa sull’ educazione ambientale.
Da allora il turismo subacqueo si è sempre più evoluto e Ustica è diventata un po’ come la Mecca dei subacquei, tanto da essere la sede del più prestigioso riconoscimento del “Tridente d’oro” conferito tra gli altri anche a Jacques Cousteau. Ustica in 9 kmq di superficie offre 12 punti d’immersione, 15 percorsi naturalistici terrestri, 18 diving center. Inutile dire che sott’acqua c’è la possibilità di fare straordinari incontri. Per visitare la Grotta dei Gamberi, ci si ancora dopo cala Galera e si scende lungo la caduta, la grotta ha un entrata molto larga e il fondo è ricoperto da spirografi. La grotta prende il nome appunto dai piccoli gamberetti denominati parapandali che ricoprono la grotta, non solo belli ma anche apprezzati in cucina per la bontà delle carni e le caratteristiche organolettiche.
A Secchitello l’immersione è caratterizzata dalla massiccia presenza di paramuricee e rami di corallo nero mentre a scoglio del medico canyon e cunicoli, a poche centinaia di metri dalla riserva integrale. Le attrazioni sono grosse cernie brune, ricciole e come sempre i grossi branchi di barracuda che nuotano in tondo indifferenti della presenza dei subacquei.
Di grande importanza è la cucina dell’isola che sposa il mare con la campagna in diversi piatti. Dalla zuppa di lenticchie con cipolla rossa, al formaggio fresco delle fattorie, al pesce che ogni mattina sbarca al porto e viene venduto al dettaglio. Alcuni prodotti endemici dell’isola che sono stati oggetto di studio per diverse Università. Tra questi la lenticchia di Ustica che oltre ad avere un sapore eccezionale si è dimostrata essere di grande aiuto alla lotta al colesterolo diminuendo anche del 10% in soggetti che seguono dieta ad alto tenore di colesterolo, e un altro prodotto che avevamo accennato è proprio il parapandalo, il gamberetto la cui presenza di omega e di antiossidanti sono delle medicine naturali per il cuore.

LA RISERVA MARINA

La riserva si divide in tre zone: A di riserva integrale, B di riserva generale e C di riserva parziale:

FOTOGALLERY

clicca sull'immagine per andare alla pagina della fotogallery