BiologiaMarina.eu

 

 

Cod Art 0118 | Rev 01 del 03 Apr 2013 | Data 02 Mar 2009 | Autore Guadagnino Marcello

 

   

 

COME RICONOSCERE IL SESSO DEI PESCI

Il riconoscimento del sesso dei pesci non è cosa semplice. In alcune specie si può distinguere una condizione detta dimorfismo sessuale, cioè una o più differenze morfologiche che permettono di individuare il sesso degli esemplari; in altre specie che non hanno caratteristiche morfologiche che possono definire il sesso, si ricorre all'analisi delle gonadi (Fig.1).

Foto1
Fig.1 - Analisi delle gonadi

Il colore e la forma delle gonadi permette di individuare il sesso: i testicoli, generalmente di colori chiari, tendenti al bianco, sono appaiati, generalmente allungati e, durante il periodo della deposizione, sono riconoscibili perché pieni di liquido seminale; gli ovari possono essere fusi completamente o solo parzialmente nella parte della pinna caudale e hanno un colore che varia sulle tonalità del rosso (Fig.2).

Foto1
Fig. 2 - Gonadi a confronto

Le gonadi possono essere classificate sulla base dello stadio di maturazione. Le gonadi in entrambi i sessi variano in dimensione e forma a seconda delle specie e, anche nel medesimo individuo, in relazione al ciclo riproduttivo annuale, dove vi sono fasi di riposo e di attività durante la quale possono occupare gran parte della cavità del corpo (immediatamente prima o durante l'ovodeposizione).

La maggior parte dei Teleostei (pesci ossei) e tutti i Condroitti (pesci cartilaginei), presentano sessi separati, sono cioè, gonocoriche, ogni individuo nasce maschio o femmina e per tutto il resto della vita non cambia.
Tuttavia nei teleostei si presenta una condizione particolare che è quella dell'ermafroditismo. Questa condizione comporta la presenza delle gonadi dei due sessi nello stesso individuo. Esse possono coesistere o svilupparsi una dopo l'altra.

ERMAFRODITISMO SINCRONO E ERMAFRODITISMO SESSUALE

L'ermafroditismo sincrono rappresenta la condizione in cui le gonadi si sviluppano contemporaneamente. L'ermafroditismo sincrono è particolarmente diffuso nella famiglia dei Serranidi e segnalato anche in specie mediterranee come Serranus cabrilla, Serranus hepatus e Serranus scriba (Fig. 3).

Foto3
Fig. 3 - Serranide

L'ermafroditismo sequenziale o consecutivo, prevede che, durante il ciclo vitale di una specie, un sesso si sviluppi prima dell'altro e si manifesti quindi il processo dell'inversione sessuale. Questa strategia riproduttiva, tra i Teleostei, si presenta in tutte e due le forme: l'ermafroditismo proterandrico, in cui la gonade maschile matura prima di quella femminile e, l’ermafroditismo proteroginico, in cui è, invece, la gonade femminile a svilupparsi e funzionare prima della maschile. Il pesce pettine (Xyrichthys novacula) appartiene alla forma proteroginica, l'inversione sessuale avviene intorno ai 4 anni di età.

L'inversione di sesso è spesso associato a cambiamenti consistenti di livrea: i maschi segnalano il proprio stato sociale "dominante" attraverso una colorazione particolarmente brillante rispetto alle femmine.
L'ermafroditismo sincrono favorisce anche l'autofecondazione, evento raro, ma particolarmente vantaggioso negli ambienti dove i contatti tra individui maturi sono piuttosto scarsi.

ARTICOLI CORRELATI