Testata Mondo Squalo

 

 

Cod Art 0335 | Rev 19 del 11 Ott 2015 | Data 09 Ott 2010 | Autore: Staff

 

   

IL MONDO DELLO SQUALO

Le ultime dal mondo degli squali - Ultimo Aggiornamento: 11 Ottobre 2015

Strage di squali a Sharm Shark Finning

 

DEEP BLUE NON È LO SQUALO BIANCO PIÙ GRANDE MAI FILMATO ...LEGGI

LO SQUALO GOBLIN ...LEGGI

LO SQUALO Otodus obliquus ...LEGGI

LO SQUALO DELLA GROENLANDIA ...LEGGI

GLI SQUALI PIÙ PICCOLI DEGLI OCEANI ...LEGGI

ECCO COME VENGONO MASSACRATI GLI SQUALI IN CINA...E L'ITALIA IMPORTA LEGGI 04 Febbraio 2014

ESTINZIONE DI SQUALI, RAZZE E CHIMERE: IL PRIMO STUDIO GLOBALE DIMOSTRA CHE SONO A RISCHIO IL 30% DELLE SPECIE LEGGI 24 Gennaio 2014

Carcharhinus leiodon ESTINTO? FORSE NO LEGGI 24 Gennaio 2014

LA CINA BANDISCE IL FINNING? PER ORA SOLO LA ZUPPA DI PINNE DI SQUALO LEGGI 16 Dic 2013

SHARK ATTACK: DUE MORTI E UN FERITO ALLE ISOLE HAWAII, UN MORTO NEL NEW SOUTH WALES LEGGI 12 Dicembre 2013

SHARK ATTACK, MORTA BRUNA SILVA GOBBI - Con Video - Attenzione Immagini Forti LEGGI 28 Luglio 2013

LO SQUALO LEOPARDO PIÙ GRANDE MAI CATTURATO LEGGI 14 Luglio 2013

SQUALI: ALTRO ATTACCO MORTALE ALLE ISOLE DIEGO GARCIA LEGGI 23 Luglio 2013

LE NUOVE MUTE ANTISQUALO LEGGI 19 Luglio 2013

SQUALO ATTACCA RAGAZZA DI 15 ANNI LEGGI 17 Luglio 2013

IL GRANDE SQUALO BIANCO DA GUINNES CATTURATO A MALTA LEGGI 04 Giugno 2013

_________________________________________________________________________________________
GALLERY: POVERI SQUALI
_________________________________________________________________________________________

SHARK ATTACK: GLI ATTACCHI DEL MESE DI GIUGNO 2012 Leggi
SHARK ATTACK: GLI ATTACCHI DEL MESE DI MAGGIO 2012 Leggi
SHARK ATTACK: GLI ATTACCHI DEL MESE DI APRILE 2012 Leggi
SHARK ATTACK: GLI ATTACCHI DEL MESE DI MARZO 2012 Leggi
_________________________________________________________________________________________

CARCASSA DI SQUALO AL PORTO DI BRINDISI 07 Nov 2012

Squalo porto di Brindisi

La carcassa di uno squalo di oltre 200 chili, è' stata trovata da militari della Guardia Costiera nel porto interno di Brindisi. Secondo quanto accertato, con l'ausilio degli esperti del servizio veterinario della ASL, l'animale sarebbe stato ucciso dalle eliche di una nave. Presenta infatti profondi tagli ed è privo della pinna caudale. Il ritrovamento è' stato fatto durante controlli disposti per scovare pescatori di tonno rosso. Fonte: Ansa. Credit immagine: Ansa.
_________________________________________________________________________________________

GRANDE SQUALO BIANCO CATTURATO A TAIWAN 07 Nov 2012

Squalo catturato a Taiwan Squalo di Taiwan

Catturato un grande esemplare di squalo bianco (Carcharodon carcharias) nelle acque di Fengbin Township (Hualien County), Taiwan (foto 1). La cattura è stata effettuata a soli 300 metri dalla linea di costa. L'esemplare catturato, 5 metri di lunghezza per 1.286 Kg, frutterà al pescatore circa 3.400 dollari, poiché la richiesta di carne di squalo, a Taiwan è ancora alta, soprattutto nel nord del paese. La cattura risale al 2 novembre scorso, e segue di pochi giorni due casi analoghi; la cattura di un grande squalo bianco sempre a Taiwan (foto 2), lungo circa 6 metri, e di un piccolo di squalo balena (foto 3), nelle acque di Fujian; entrambe le catture risalgono al 22 ottobre.

Squalo balena catturato a Taiwan

_________________________________________________________________________________________

SQUALI, NUMERO SPECIALE DELLA RIVISTA BRAIN, BEHAVIOR AND EVOLUTION 05 Nov 2012
Numero speciale di Brain, Behavior and Evolution dedicato ai pesci cartilaginei, con particolare riferimento al sistema nervoso di squali e razze. Emergono, tra le tante informazioni, dettagli relativi al cervello dello squalo bianco, che dispone di grandi aree dedicate alla percezione visiva. Secondo l'autrice, K. Yopak, sarebbe dunque molto utile puntare allo sviluppo di nuovi sistemi di dissuasione di tipo visivo, piuttosto che quelli elettromagnetici attualmente in uso, poiché la vista svolgerebbe il ruolo principale, almeno in determinate condizioni. Dunque, dipingere la sagoma di un serpente marino velenoso su un lato della tavola da surf, oppure sui galleggianti delle gabbie antintrusione, potrebbe risultare particolarmente utile per evitare attacchi, che di solito, almeno nel caso dello squalo bianco, possono risultare particolarmente pericolosi.
I contenuti del numero speciale, con alcuni articoli in formato pdf, psono disponibili qui.
_________________________________________________________________________________________

STRANI SQUALI: LO SQUALO GOBLIN
Lo squalo goblin (Mitsukurina owstoni, Jordan, 1898) è senza dubbio, almeno tra gli squali, una delle specie più strane ed enigmatiche. Il suo nome, goblin shark in lingua anglosassone, deriva dal termine giapponese tenguzame; tengu indica la creatura dal naso prominente e dal volto rossiccio, per metà umano e per metà uccello, dell’iconografia tradizionale giapponese (immagine a destra), mente zame è il nome assegnato a questa specie, dalla caratteristica protusione mascellare che descriveremo più avanti....LEGGI
_________________________________________________________________________________________

NASCITE A CICLO CONTINUO DI SQUALETTI ALL’AQUARIUM MONDO MARINO 10 Febbraio 2012
Leggi l'articolo!
_________________________________________________________________________________________

IBRIDO DI SQUALO NELLE ACQUE AUSTRALIANE? 05 Gen 2012 Vedere rettifica qui
Squalo pinna nera ibridoI ricercatori australiani della James Cook University e del Queensland Department of Primary Industries and Fisheries, hanno annunciato di aver scoperto il primo ibrido di squalo al mondo nelle acque dell'Australia.
L'ibrido è il frutto dell'accoppiamento tra squali pinna nera australiani (Carcharhinus tilstoni) e i pinna nera comuni (Carcharhinus melanopterus). "Si tratta di una scoperta senza precedenti, con implicazioni per l'intero mondo degli squali - ha detto Jess Morgan, un ricercatore dell'Uiniversità del Queensland - È davvero sorprendente, perché nessuno aveva mai visto prima ibridi di squalo; questo non è un evento comune nemmeno con uno sforzo d'immaginazione. Questa è l'evoluzione in atto".
Colin Simpfendorfer, della James Cook University, ha spiegato che "gli studi iniziali suggeriscono che la specie ibrida sia relativamente robusta. Sono stati censiti in tutto 57 esemplari".
L'eccezionale scoperta è avvenuta durante i lavori di catalogazione della fauna della costa orientale dell'Australia, 1.200 miglia tra il New South Wales e il Queensland.
Lo squalo pinna nera australiano è leggermente più piccolo rispetto al pinna nera comune e può vivere solo nelle acque tropicali, ma la prole ibrida è stata trovata a 2.000 chilometri più a sud, in mari più freddi. Secondo gli scienziati questo significa che lo squalo pinna nera australiano si starebbe adattando.
"Se si ibrida con la specie più comune, può effettivamente spostare il suo areale più a sud, nelle acque più fredde, quindi l'effetto di questa ibridazione è l'espansione del suo areale - sottolinea Morgan - il che permette ad una specie limitata ai tropici di trasferirsi in acque temperate". Gli ibridi di solito sono sterili, ma in questo caso gli squali possono riprodursi tra di loro ed anche con le altre due specie.
Il team dei ricercatori sta indagando sul Global Warming e la pesca come possibili "inneschi" di questa ibridazione e effettuerà ulteriori mappatura genetiche per verificare se si trattava di un processo appena scoperto ma di vecchia data o di un fenomeno più recente.
Simpfendorfer spiega le possibili ricadute della scoperta: "Se l'ibrido risulterà essere maggiormente adattabile, potrebbe eventualmente sopravvivere alle specie genitrici. Non sappiamo se questo sia il caso, ma di certo, ora che possiamo vedere la roadmap genetica che abbiamo realizzato, sappiamo che si riproducono e che ci sono più generazioni di ibridi. Certamente sembra che siano esemplari abbastanza in forma".
Gli ibridi sarebbero già straordinariamente abbondanti in 5 zone, rappresentando in alcune aree fino al 20% delle popolazioni di squali pinna nera e, Morgan, è convinto che questo non avvenga a scapito di una singola specie dei due squali pinna nera.
Simpfendorfer evidenzia che lo studio, pubblicato su Conservation Genetics potrebbe sfidare le idee tradizionali su come gli squali abbiano continuato ad evolversi".
Alla domanda se ci sia il rischio della comparsa di un "megasqualo" Simpfendorfer ha risposto: "Non credo che ci sia un qualche problema di questo tipo, entrambe le specie non sono considerate un pericolo per gli esseri umani. Dato che hanno la stessa morfologia di una e dell'altra specie genitice, non dovremmo vedere alcun tipo di cambiamento percepibile, là fuori, nell'oceano". Fonte: GreenReport. Vedere anche Squali ibridi, Global Warming e ricerca scientifica.
_________________________________________________________________________________________

SETTIMANA EUROPEA DELLO SQUALO: I GRUPPI NEL MONDO 15 - 23 Ott 2011
Riportiamo di seguito alcuni gruppi sparsi nel mondo che si occupano di squali e della loro salvaguardia. L'elenco non è completo e verrà aggiornato periodicamente.

Settimana Europea dello Squalo Global Shark Conservation Shark in Deep Trouble Global Shark Assessment Global Shark Conservation Iniative Shark Specialist Group IUCN Ocean Futures Society Shark Defenders Shark Saverr Inc. Shark Research Institute Shark Savers Shark Trust Tropical Research Conservation Centre Shark Project Oceana Sharks Stop Shark Fishing Loghi Mondo Squalo
_________________________________________________________________________________________

LO SQUALO MARTELLO 17 Ott 2011
Anche quest'anno si celebra la Settimana Europea dello Squalo e, per l'occasione, i membri di Shark Alliance e di altre organizzazioni promuovono eventi e seminari in Europa e in altre parti del mondo, allo scopo di far conoscere la drammatica situazione in cui versano i nostri mari e gli squali in particolare..LEGGI.
_________________________________________________________________________________________

LA CARNE DI SQUALO PIACE AGLI ITALIANI 16 Ott 2011
Molti italiani non lo sanno, ma quando comprano in pescheria oppure ordinano al ristorante verdesca, smeriglio, spinarolo, palombo, gattuccio, mako (ma anche, a seconda delle regioni, can bianco, cagneto, missola, pallouna, nizza, stera, cagnolo, penna, vitello di mare, gattuccio... ) in realtà scelgono sempre la stessa cosa: carne di squalo. E ne vanno letteralmente pazzi, se è vero che il nostro Paese è il quarto maggior importatore di prodotti di squalo al mondo, dopo Spagna, Corea e Hong Kong e siamo i maggiori consumatori europei.... LEGGI.
_________________________________________________________________________________________

IL PRIMO DETTAGLIATO CASO DI ATTACCO DI UNO SQUALO TAGLIATORE Isistius brasiliensis NEW 13 Lug 2011
Lo squalo tagliatore Isistius brasiliensis, detto anche squalo stampo da biscotto, è un piccolo squalo appartenente alla famiglia Dalatiidae. Isistius brasiliensis
Vive nelle acque tropicali di tutto il mondo, dalla superficie sino a 3.700 metri di profondità. Al crepuscolo risale in superficie, attraversando la colonna d’acqua per centinaia e centinaia di metri, dal momento che le catture diurne sono tutte avvenute a profondità comprese tra 1.000 e 3.700 metri...LEGGI 13 Lug 2011
_________________________________________________________________________________________

MA NELL'ALTO TIRRENO I BIANCHI CI SONO SEMPRE STATI NEW 06 Lug 2011
"C’erano tante pinne in acqua. Poi i delfini si sono allontanati e abbiamo notato che una pinna rimaneva fissa in acqua. Ci siamo avvicinati e ci siamo accorti che si trattava di uno squalo. Ci sono buone probabilità che si trattasse di uno squalo bianco, ma poteva essere anche uno squalo mako". Queste le parole di Cecilia Volpi, biologa dell’equipe del Museo della Specola, che ha avuto la possibilità di avvistare, a poche miglia dall’isola di Capraia, un Carcharodon Carcharias LEGGI
_________________________________________________________________________________________

CASE STUDY: UN ESEMPLARE DI SQUALO MAKO (Isurus oxyrinchus) DONATO A BIOLOGIAMARINA.EU 04 Apr 2011
In data 18 febbraio 2011, un esemplare di sualo mako (Isurus oxyrinchus, Lamnidae), proveniente dal basso Ionio, catturato accidentalmente da un peschereccio della zona, è stato donato a noi di biologiamarina.eu. Per scopi prettamente didattici è stato eseguito un breve esame autoptico, al fine di evidenziare alcune caratteristiche anatomiche della...LEGGI
_________________________________________________________________________________________

FALLITO IL PIANO DI CONSERVAZIONE DEGLI SQUALI 31 Gen 2011

Solo 13 di 20 Paesi dove la caccia a questi animali è intensa hanno approvato un piano di difesa come aveva chiesto nel 2001 la FAO. Le popolazioni di squali in tutto il mondo sono in calo soprattutto a causa della pesca eccessiva per soddisfare la domanda per la zuppa di pinne di squalo nell’Asia orientale.

Un piano internazionale di 10 anni destinato alla conservazione degli squali è in gran parte fallito, e solo 13 dei 20 paesi che catturano squali hanno sviluppato piani nazionali per proteggere queste creature in pericolo.
Le popolazioni di squali in tutto il mondo sono in calo soprattutto a causa della pesca eccessiva per soddisfare la domanda per la zuppa di pinne di squalo nell’Asia orientale.
Nel 2001, l’United Nations Food and Agriculture Organization (FAO) aveva approvato un piano internazionale a favore degli squali dopo aver scoperto la mancanza di un monitoraggio serio del commercio internazionale.
Nella sua relazione, il Traffic and the Pew Environment Group ha sollecitato un incontro con il comitato di settore pesca della FAO per esaminare le iniziative da prendere con urgenza per la gestione della pesca di questi animali..... LEGGI
_________________________________________________________________________________________

PERCHÈ GLI SQUALI SI AVVICINANO ALLE COSTE DI SHARM? 28 Feb 2011

Gli esperti al lavoro a Sharm hanno individuato cinque cause principali che spiegano i motivi per i quali alcuni squali tendono ad avvicinarsi alle coste.
Le cause, come sempre, sono da imputare alle attività dell'uomo. Infatti (1) le offerte di cibo attirano molte specie di squali e di altri pesci. Il cibo viene dispensato sia dai sub che dai turisti da terra. Inoltre (2) da terra e dalle navi vengono gettate, con una certa 'disinvoltura', carcasse di animali e (3) resti di cibo di ogni tipo.
Inoltre (4), la temperatura dell'acqua, insolitamente alta durante quest'ultimo anno, avrebbe attratto un maggior numero di esemplari.
Per finire (5), la pesca al traino, attira inevitabilmente gli squali in prossimità delle imbarcazioni e sottocosta.
Poiché i turisti non sembrano ancora del tutto convinti delle contromisure intraprese dalle autorità egiziane, in un tratto della costa di Sharm el Sheikh, saranno posizionate delle reti protettive -è quanto affermato alcuni giorni fa da Shosha, governatore della regione Sud del Sinai. Le prime barriere anti-squalo saranno installate di fronte ad un conosciuto resort, il Coral Bay, di proprietà di Ernesto Preatoni.
_________________________________________________________________________________________

ATTACCO A SHARM: DALL'ISTERIA ALL'ASSURDITÀ, LA SAGA (STRAGE) CONTINUA.... 26 Gen 2011
Stando alle notizie che arrivano da Sharm, soprattuto da parte dell'Hepca, che si occupa della conservazione degli squali nel mar Rosso, le autorità Egiziane hanno gestito i due tragici eventi di Sharm, non considerando minimamente le implicazioni ecologiche che le stragi di squal, inevitabilmente, comporteranno, e la gestione dell'intera vicenda sembra assumere toni da commedia.
Le autorità del South Sinai Protectorate (SSP), hanno infatti continuato a uccidere in modo indiscriminato decine e decine di squali (il numero esatto ormai, è impossibile conoscerlo). Eppure le autorità dell' SSP continuano ad affermare che le catture sono state fatte rispettando criteri prettamente scientifici. A breve si attende il primo report del team di scienziati (Marie Levine, Ralph Collier, Mustafa Fouda, Mohamed Salem, Nasr Galal, Leonard Compagno and Erich Ritter), messo in piedi dal governo Egiziano.
_________________________________________________________________________________________

LE PINNE DI SQUALO IN EUROPA: le implicazioni della riforma del Regolamento Europeo sul finning 11 Gen 2011
Gli squali vengono catturati in tutto il mondo per la loro carne, le pinne, il fegato e l’olio di squalo e costituiscono un importante sottoprodotto di molte attività di pesca di diverso tipo. Gli squali inoltre sono sempre più la specie obiettivo della pesca pelagica (usando prevalentemente palamiti), che spesso catturano tanti (o più) squali quanti pesci ossei. La pesca agli squali continua ad essere ampiamente non controllata nella maggior parte degli oceani del mondo, in quanto sono stati adottati relativamente pochi limiti di pesca dall’Unione europea (UE), dalle Organizzazioni Regionali per la Gestione della Pesca (ORGP) e da altri Stati. Anche la raccolta dati sulla pesca degli squali è estremamente insufficiente a livello mondiale. Le pinne sono l’ingrediente essenziale della zuppa di pinne di squalo, un piatto tradizionale cinese, presente nei ....LEGGI
_________________________________________________________________________________________

ATTACCO A SHARM: STRAGE DI SQUALI
Sono almeno una decina gli squali per i quali, secondo alcune fonti, ne sarebbe stata documentata l’uccisione dopo gli incidenti delle scorse settimane. A Sharm el-Sheikh, infatti, una turista tedesca era stata uccisa da uno squalo, mentre altri quattro aggressioni, ai danni questa volta di turisti russi, sono state denunciate nello stesso periodo. La notizia dell’uccisione dei dieci squali arriva in coincidenza con l’annuncio della riapertura alla balneazione per buona parte delle spiagge che erano state interdette dopo i tragici fatti. Per nessuno di questi squali, però, è stato fornito alcun elemento che potesse collegarli in qualche maniera con i recenti incidenti.
Le autorità egiziane, evidentemente ....LEGGI
_________________________________________________________________________________________

LA RIDUZIONE DEGLI SQUALI NEL MEDITERRANEO 22 Dic 2010
Verdesche
Un tempo la carne di squalo era poco apprezzata. Sui mercati il valore commerciale di un palombo era modestissimo e ricordo ancora quando gli esemplari catturati venivano spesso regalati o gettati in mare. I vecchi pescatori evocano ancora le verdesche che un tempo popolavano numerose l'Adriatico, e che spesso erano avvistate poco lontano dalle reti, senza mai mostrarsi aggressive. Molto comuni in Adriatico anche gli squali bianchi che seguivano i banchi di tonni, durante il periodo delle migrazioni. ....LEGGI
_________________________________________________________________________________________

BIOLOGIA MARINA: IL COMPORTAMENTO DELLO SQUALO BIANCO NEI MARI DEL MONDO 15 Dic 2010
Squalo bianco
Abbiamo già trattato l’argomento squalo bianco, ma non abbiamo evidenziato alcuni aspetti, in particolare l’etologia e il comportamento, che studi recenti hanno delineato in modo più netto e marcato rispetto al passato. Nel corso degli anni ho seguito diversi seminari sugli squali, molti dei quali hanno tentato di divulgare e far conoscere la reale natura dello squalo bianco, sfatando o tentando di sfatare allo stesso tempo tutti i pregiudizi che ....LEGGI
_________________________________________________________________________________________

LUOGHI COMUNI DA SFATARE SULLO SQUALO BIANCO MEDITERRANEO
Squalo bianco Mediterraneo
La modesta popolazione di squalo bianco che vive in Mediterraneo non è sostenuta da esemplari che continuamente entrano dall'Atlantico, anzi è vero l'opposto quando le prede scarseggiano. La popolazione Mediterranea era un tempo stanziale e il nostro bacino era ed è un'area di nursey per la specie. Anche il piccolo ma produttivo mar Adriatico un tempo era in grado di sostenere la sopravvivenza di moltissimi esemplari.
_________________________________________________________________________________________

ATTACCO A SHARM: CONSIDERAZIONI 10 Dic 2010
Squalo: attacco a Sharm
In questi giorni abbiamo ricevuto diverse mail, differenti per contenuti e richieste, da parte di numerosi navigatori in procinto di partire per la classica meta natalizia, che ormai tutti conoscono: Sharm el Sheik. I due attacchi del 5 e del 2 dicembre scorsi, che hanno provocato rispettivamente un morto e tre feriti, sono rimasti impressi nelle menti di coloro che si accingono a partire ? LEGGI
_________________________________________________________________________________________

SHARM ATTACK: di Marco Angelozzi 13 Dic 2010
Sharm Attack
In questi giorni le tranquille ed affollate acque della località turistica Sharm el Sheik, nel Mar Rosso egiziano, sono turbate da una serie di attacchi di squalo nei confronti di bagnanti e snorkelisti, che fino ad ora hanno causato gravi ferite e purtroppo un tragico decesso. Le domande che probabilmente sorgono spontanee in ognuno di noi, pensando a questi eventi... LEGGI

 

Settimana Europea dello Squalo Settimana Europea dello Squalo

Il 9 - 17 Ottobre scorso si è tenuta la quarta edizione della Settimana Europea dello Squalo che quest’anno si è impegnata a chiedere un rafforzamento del divieto europeo sul finning (la pratica di tagliare le pinne agli squali e gettarne la carcassa in mare), attualmente in vigore in Europa ma anche uno dei più deboli al mondo.
Noi di Biologiamarina.eu abbiamo deciso di impegnarci ulteriormente per divulgare qualsiasi tematica legata al mondo dello squalo, inaugurando questa nuova sezione monografica, proprio in concomitanza con l'evento della “Settimana Europea dello Squalo” promossa dalla coalizione Shark Alliance.
Alcune informazioni relative agli attacchi, alle metodiche di intervento e alla prevenzione sono introdotte in questa pagina, originariamente presente in questa sezione sino al 09 novembre 2012.

 

  • 1 Piccoli di squalo martello abortiti
  • 2 Squalo artico, Somniosus microcephalus
  • 3 Triakis semifasciata


No shark Finning No Shark Finning

TUTTI I NOSTRI ARTICOLI CHE HANNO COME PROTAGONISTA LO SQUALO

Vedi Archivio Sezione Squali.